Categorie
Blog

Il vero redesign di questo sito

new disconnesso design
Spinto dalla sempre più rapida diffusione del tema WordPress che avevo scelto per il mio sito, mi sono finalmente mosso e ho messo sù quello che in inglese chiamerei my very first real design: un tema grafico unico, realizzato da me partendo da zero, scritto con la volontà di sfruttare questo mio sito sia per il blog che per tenere il portfolio dei miei lavori.

Niente adattamenti quindi, sono partito con la precisa idea di costruirmi un sito pensato sia per una che per l’altra funzione.

Come nel precedente tema grafico ho cercato la più totale pulizia lavorando sugli ingombri e sui font raggiungendo un risultato per me soddisfacente.
Ho utilizzato una serie di plugin jQuery per consentire una navigazione più semplice e per migliorare la fruizione dei contenuti del portfolio (un esempio è lo slider che potete vedere sia nella homepage che negli elementi di portfolio con più immagini).

La scelta della lingua ancora mi lascia perplesso visto che non riesco a prendere una decisione: non riesco a scegliere tra l’inglese e l’italiano e a riguardo una vostra opinione sarebbe gradita.

La scelta di un layout largo coniugato all’utilizzo di immagini grandi è motivata dalla mia voglia di guardare avanti all’utilizzo di schermi con risoluzioni sempre più elevate. Per quanto riguarda il mobile surfing sto valutando l’opportunità di sviluppare un tema dedicato agli smartphone e all’iphone/ipod touch.

Cosa di cui sono estremamente soddisfatto, il tema non deve necessariamente appoggiarsi ad alcun plugin. Mi piace l’idea di utilizzarne pochi nel tentativo di appesantire il meno possibile la mia installazione di WordPress.

Ripenso a quanto il mio dominio sia cambiato nel corso del tempo, prima come semplice pagina html, poi con l’installazione di WordPress, le varie scelte di template trovati in giro, le modifiche sempre più profonde a questi, fino ad oggi. Questo dominio cresce di pari passo al mio crescere tecnicamente e professionalmente e oggi siamo arrivati credo ad un buon livello.

A questo punto con una certa soddisfazione mi chiedo: what’s next?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.