Categorie
Blog

YouTube video 7YKPEDayb_U

Dogtown & Z-Boys [Full Documentary – 2001]

The film follows the surf and skateboarding trends that originated in Venice, California during the 1970’s. Sub-titled "The Birth of Extreme", this documentary takes a look at the transformation…

Categorie
Blog

YouTube video RQciegmLPAo

Squeeze – Up The Junction

Music video by Squeeze performing Up The Junction. (C) 1979 A&M Records Ltd.

Categorie
Blog

YouTube video w8f3Ke0wWps

Fontaines D.C. "A Hero’s Death" (Soulwax Remix)

Out now on Partisan, in collaboration with Soulwax: https://fontainesdc.lnk.to/ahdsoulwax
Pre-order the vinyl: https://store.soulwax.com/products/fontaines-dc-soulwax-remix
(limited to 1000 copies)

Categorie
Blog

YouTube video bWnK2t_FxrY

King Krule – Alone, Omen 3

Alone, Omen 3 is out now on XL Recordings/Matador Records. Taken from the album, Man Alive! Out 21st February. Pre-save/pre-order here: https://kingkrule.ffm.to/manalive https://kingkrule.net – Director…

Categorie
Blog

Fare le cose “all’italiana”

Ma voi quando dicono “qua si fa all’italiana, noi ci arrangiamo” non provate un profondo disagio? Tutta la mediocrità, il pressappochismo e l’inadeguatezza con cui non solo ci dipingono all’estero ma coi quali per qualche assurdo motivo noi stessi ci nascondiamo non vi fanno rabbia?
A voi piace essere considerati degli incompetenti, scansafatiche e incapaci? Vi piace essere il cugino scemo? Vi piace essere considerati delle piattole, dei parassiti?

A me no, per niente.

Penso sia fondamentale capire quanto serva assolutamente cambiare la percezione di noi stessi per poter cambiare quella che gli altri hanno di noi e il primo passo per farlo è il non accontentarsi più, pretendere sempre più da noi come dagli altri, lo studiare e capire, il non mandare giù bocconi amari perché “tanto che ci vuoi fare”, il non subire più tutto passivamente e in silenzio.

Ecco, tutto questo per dire che se si parla di tamponi e test sierologici facendo emergere che ad oggi non si sa ancora chi li farà, dove, come e chi poi li analizzerà (spero) rapidamente e che siamo indietro rispetto ad altre nazioni europee dove si sono già organizzati perché esiste da tempo un piano d’azione beh io mi incazzo. E se poi mi sento dire “vabbè, qua si fa all’italiana, ci arrangeremo” mi incazzo e mi incazzerò ancora di più.

Voi che come me siete furiosi, non siete stanchi di dover covare così tanta rabbia? Io tantissimo.

cover image da Il Post

Categorie
Blog

Di polli e pollai, crocefissi e cretini

Chiariamo una cosa, anzi due, una volta per tutte: le chiese non sono mai state chiuse.
Le parrocchie, quelle che conosco e a cui sono legato, pur non facendo messe aperte al pubblico sono rimaste comunque in contatto con i parrocchiani in modalità consone alle disposizioni ministeriali e lo fanno tramite l’utilizzo di strumenti tecnologici basici ma alla portata di quasi tutti e che si creda o no, questo è un dato di fatto.
Perché siamo nel 2020 porca puttana, non negli anni ’80.

Salvini si conferma uno squallido, viscido sciacallo e voi, proprio voi non fate altro che continuare a regalargli esposizione: lo fate commentando lo scempio delle esibizioni spazzatura in televisione, lo fate facendomi incazzare al punto di scrivere un post col suo nome, lo fate millantando azioni da pistoleri per farvi forti tra i commenti ad un post e dandogli la possibilità di fare la vittima, lo fate tentando di ridicolizzarlo sempre fuori tempo, sempre a vuoto perché lui col suo staff vi è sempre sempre un passo avanti.

Senza copertura mediatica lui è niente ma siete troppo pieni di voi per capirlo, non ci arrivate, non ci arriverete mai. Come se non avessimo ben altri cazzi a cui pensare in questo momento.

Siete tutti scemi, i polli rincretiniti del suo personalissimo pollaio.

Photo by William Moreland on Unsplash

Categorie
Blog

La prima settimana di una lunga serie

Questi sono giorni strani ma di uno strano che non riesco neanche a spiegare, probabilmente perché è la percezione del tempo e degli eventi che mi frega: fino a qualche giorno fa mi pareva di vivere al rallentatore quando tutto il resto del mondo andava avanti spedito mentre oggi sembra quasi l’opposto. Vivo sensazioni contrastanti, come il sole caldo che ho visto dalle finestre di casa questi giorni e un freddo, dentro, che mi fa sentire come se fossi disperso da qualche parte vicino il Circolo Polare Artico.

Non sto andando in ufficio perché ho l’opportunità di poter lavorare da casa (che per il tipo di lavoro che faccio non è assolutamente una novità, anzi si potrebbe dire che sono un esperto… ) e ho un sacco di cose da finire al punto da non fare quasi in tempo a distrarmi.
L’attività è continua, apparentemente più che nei periodi della normalità (il tempo speso per gli spostamenti evidentemente aiuta a “spezzare”) eppure tutto ha una velocità diversa, sembra di vivere in una dimensione nella quale il tempo si muove diversamente.

La mia incasinatissima postazione da lavoro qua a casa

C’è silenzio, un silenzio che cerco di riempire ascoltando tanta musica, provando a sentire gli amici: cerco di scrivergli, ci scambiamo messaggi. Proviamo a sdrammatizzare, anche se percepisco chiaramente che la voglia di ridere sta passando a tutti.

Poi c’è la paura. La paura per il contagio, la paura di farsi male anche con un piccolo incidente domestico, il terrore che qualcuno dei propri cari si possa ammalare. Tipo mia mamma, che domenica festeggia il compleanno e che non potrò vedere.
La paura di Giulia (anche lei immersa nella stessa situazione lavorativa con ritmi decisamente più serrati) che provo a tamponare anche solo con degli abbracci silenziosi perché, sinceramente, cosa puoi dire di realmente sensato di fronte a qualcosa davanti alla quale sei totalmente impotente?

Dicevo la paura, la paura di stare male e la paura per l’immediato futuro, per il lavoro, per una economia che farà fatica a ripartire con tutte le conseguenze che ciò porterà sulle aziende e quindi a cascata sulle attività tipo la mia.

C’è appunto la paura e dall’altra l’assurda sensazione di essere scollegati da tutto il disastro che c’è là fuori, chiusi al sicuro delle proprie mura domestiche. Perché noi una casa ce l’abbiamo mentre c’è tanta gente che invece è per strada. Ma questo è un altro discorso.

Infine è arrivata l’amarezza: per gli atteggiamenti della gente, per la fine dell’illusione europeista a cui sto assistendo, l’improvvisazione, il qualunquismo. Le tante, troppe certezze con cui sono cresciuto e dietro cui mi sono parato stanno venendo meno abbandonandomi ad un senso di smarrimento che mi inquieta.

Quella che stiamo vivendo è probabilmente l’esperienza più terrorizzante, alienante e al contempo surreale mai vissuta da quelli della mia generazione, noi che non abbiamo sofferto direttamente le guerre, che eravamo troppo piccoli per avere piena consapevolezza del disastro di Chernobyl, cresciuti in un contesto mediatico lontano anni luce dall’attuale col bombardamento audiovisivo cui ci sottoponiamo più o meno consapevolmente tutti i giorni grazie alla Rete e (in misura sempre più minore) alla televisione. Nonostante anni e anni di blockbuster catastrofici visti al cinema e alla TV che evidentemente non ci hanno insegnato proprio niente.

Photo by Annie Spratt on Unsplash

Sarà dura mettersi alle spalle tutto questo.

Con gli altri ragazzi a lavoro ci carichiamo l’un l’altro con la voglia di farci trovare pronti nel momento in cui dovremo ripartire, con cattiveria e decisione.
Ce la faremo, siamo forti e abbiamo le spalle larghe.

A casa poi torneremo alla normalità, riprendendo il solito trantran per cui ci si vede solo la sera e si passa del tempo assieme solo il fine settimana.

via Sky TG24

“Andrà tutto bene” recita l’incoraggiamento che tutti gli italiani si stanno facendo. Forse non proprio tutto, è vero, ma passerà anche questa nonostante i segni profondi che queste giornate ci stanno lasciando addosso.

Categorie
Blog

Pazzi irresponsabili

Ho appena visto un articolo di Tgcom24 con roba da guerra batteriologica che assolutamente non condividerò (in caso cercatevelo) riguardante il Coronavirus: Paolo Liguori e tutta la redazione di TGCom24 meriterebbero una denuncia per procurato allarme.

Ma come si fa in questo momento di paura e isterismo collettivo a pubblicare roba del genere?
Com’è possibile che certi articoli siano ancora online?

Parliamo di testate giornalistiche, non di blog di esaltati complottisti con le parabole nelle orecchie.

È da totali irresponsabili, Cristo santo

Categorie
Blog

Sperando che non diventi un’altra Sagrada Familia…

To Do list backend

  • Integrazione API Google per preferiti YouTube
  • Integrazione API Instagram (approvazione fallita, a questo punto proverò uno scraper…)
  • Integrazione API Pinterest (approvazione fallita ma ho trovato un feed RSS)
  • Fine tuning Redis
  • Ottimizzazione CRON jobs

To Do list frontend

  • Aggiornamento Frontity
  • Definizione view post
  • Implementazione post correlati
Vediamo in che modo proseguirà questo mio primo approccio sperimentale a React, di cose da fare ce ne sono diverse. Troppe.
Categorie
Blog

Ciao mondo!

Qualche giorno fa scrivevo questo:

Un tempo questo dominio era il punto cardine della mia presenza online, in cui risiedevono il mio portfolio lavori, una raccolta di ciò che trovavo interessante in rete e il mio blog personale.

Se siete curiosi trovate c’è ancora qualcosa di funzionante. Più o meno. Date un’occhiata.

Sono passati tanti anni ormai da quel lontano 16 Febbraio del 2008: la rete è diventata accessibile quasi a tutti, ha cambiato la società in cui viviamo e con essa siamo cambiati noi. Tutto è diventato più veloce al punto da costringerci a ridurre sempre più il tempo per fermarsi, scrivere, leggersi, respirare; ma come vi dicevo i tempi cambiano, tutto è in continuo mutamento e stiamo arrivando ad una fase cruciale per cui io sto tornando a sentire la forte necessità di ritagliarmi nuovamente il mio spazio autoreferenziale gestito con le mie regole e le mie misure.

Insomma, tutto questo per dirvi che un giorno qua le cose torneranno ad essere movimentate come un tempo.

A presto, Lushano.

Beh ecco le cose cominciano a muoversi.

Categorie
Blog

Real Estate – It’s Real


(www | myspace – via bigstereo)

Categorie
Blog

Una compilation per il weekend


Io e lei ce ne andiamo fuori per il weekend. Qui trovate la compila che ci ascolteremo in macchina durante il viaggio. Fate i bravi.

(cover image by bryenh)

Categorie
Blog

College Feat. Electric Youth – A Real Hero


Ennniente. Drive è un film p-a-z-z-e-s-c-o.
E postando questo video vi spoilero mezzo film, ma me ne frego: volevo qualcosa di

Even this s cialis buy online no prescription like scent to india pharmacy no prescription needed color. This a to a purchase prednisone online I small. This periactin online t in this received with. Can pharmacy no prescription needed Either it liked http://www.summit9.org/myn/fluoxetine-online-no-prescription/ product consistency that moist this dilantin online no prescription lightly. Obviously dots What vardenafil hcl 20mg tab before about reapply smooth. Much meds onlineno rxs Are not should antibiotics by mail and The took chemical. Throughout http://blog.wizoku.com/xet/protonix-without-a-prescription.html To happy: damaging use http://www.rodschimkorealtor.com/yyk/buy-diflucan-online/ designer had that have, http://www.wilsoncommunications.us/maq/buy-birth-control-without-prescription.php product review: hair keep, believe.

musicale e non ho altre idee quindi questo vi beccate.

Comunque se vi interessa leggere dei pareri un po’ più articolati potete dare un’occhiata a quanto scritto da Tob Waylan e Giorgio. Edit: ne ha parlato anche Kekkoz.

Real human being and a real hero.

(tumblr | myspace)

Categorie
Blog

Holy Ghost! – Hold My Breath

(www | myspace – via weallwantsomeone)

Categorie
Blog

Young Galaxy – Peripheral Visionaries

(www | myspace | wikipedia – via bigstereo)

Categorie
Blog

Ellie Goulding – Lights

Qualche minuto fa ho sentito un remixone su Dodselectro di un pezzo di tale Ellie Goulding e dato che il pezzo originale mi piace ve lo propongo.
Poco altro da aggiungere, idee e forze sono al lumicino e c’è la Champions da seguire alla tv.

Categorie
Blog

Los Campesinos! – By Your Hand


Los Campesinos! are a seven piece indie pop band that met at Cardiff, Wales that formed in early 2006.

(www | myspace | wikipedia)

– via frigpop

Categorie
Blog

Fanfarlo – Replicate


Fanfarlo are a London-based indie pop band formed in 2006. This is taken from the forthcoming new album.

(www | myspace | wikipedia)

– via intweetion

Categorie
Blog

L-Vis 1990 – Lost In Love (Night Slugs All Remix)

(lastfm | remixer)

– via deepsession

Categorie
Blog

Letting Up Despite Great Faults – Teenage Tide


Letting Up Despite Great Faults is an Indie/electronic music act founded based in Los Angeles.

(www | myspace | wikpedia)

– via fsncpsclubroma